Levysoft

Test di 2 settimane con il Nokia Lumia 930 e il caricabatterie wireless Nokia DT910

Queste ultime due settimane ho partecipato al test di uno dei più performanti smartphone di casa Microsoft. Il Nokia Lumia 930 e del caricabatterie wireless Nokia DT910. Nonostante sia vecchio di un anno è comunque il top di gamma dato che ancora adesso è il modello di cellulare più potente che monta Windows Phone. Mi sono offerto di provare il Nokia Lumia 930 perchè non ho mai avuto modo di averne uno sottomano e avevo intenzione di mettere sotto stress questo cellulare che comunque è uno dei più apprezzati dalla comunità.

Se da oramai 5 anni, uso come cellulare personale solo iPhone e ho avuto qualche esperienza anche con smartphone Android (da Sony a Samsung), sono sempre rimasto affascinato dalla gradevole e innovativa interfaccia grafica di Windows 8.1, quelle tile colorate che girano sono una ventata di aria fresca per un mondo che di innovativo offre tanto dal punto di vista hardware, ma resta molto sul classico quando si parla UI e UX.

E così ho colto questa occasione e devo dire che mi sono trovato tra le mani un ottimo prodotto, veloce (grazie al Qualcomm MSM8974 Snapdragon 800 un Quad-core da 2,2 GHz), un grande display da 5 pollici (con una risoluzione da 1920×1080 pixel), una fotocamera di alta qualità PureView da 20 MegaPixel (per scattare foto con una risoluzione di 5376×3744 pixel e di registrare video in 4K alla risoluzione di 3840×2160 pixel), 2GB di Ram e 32GB di memoria (che sopperisce alla mancanza di uno slot per card SD), e, cosa da non sottovalutare, la possibilità di usare la ricarica wireless integrata.

Del cellulare mi è piaciuto molto il sistema operativo, senza alcun tipo di lag, anche se, in molte schermate, l‘interfaccia grafica è fin troppo semplice e schematica come, per esempio, nel caso della posta elettronica o del nuovo centro notifiche che appare trascinando verso il basso la sommità dello schermo, e ciò denota una certa immaturità del software che spero migliori con Windows 10.

L’unica cosa che ho trovato davvero originale, è stato trovare le previsioni meteo nei giorni del calendario, cosa che permette di schedulare le proprie attività o vacanze, in tutta serenità.

Per quanto riguarda Cortana, l’assistente vocale antagonista di Siri e di Google Now, nonostante molte recensioni, anglofone a dire il vero, lo abbiano dato come superiore, ho riscontrato, almeno per la lingua italiana, davvero molte lacune nelle risposte, lasciando molto spesso la scelta ad una semplice ricerca sul web. In confronto Siri è anni luce in avanti, ma nulla che non possa essere migliorato con il tempo.

Nello Store, invece, troviamo le principali app che il 99% della gente usa (Facebook, Whatsapp, Instagram, etc) ma permane una certa carenza di app particolari, anche se devo dire che Microsoft ha fatto un buon lavoro per rendere disponibili moltissime app specifiche per il Lumia (di cui molte per la gestione delle foto o video).

La batteria, con un uso intenso, arrivava senza problemi a fine giornata. Ho trovato, però, molto comodo la ricarica della batteria per induzione grazie al caricabatterie Wireless Stand Nokia DT910 che permette di posizionare il device in verticale. La comodità è dettata soprattutto dal fatto che, non avendo fili che bloccano il cellulare durante la ricarica, in caso di chiamata è possibile prendere il cellulare senza doversi preoccupare del cavo di ricarica (l’unico svantaggio è che il tempo di ricarica dura circa il 20% in più). Per il resto, essendo concepito per un utilizzo su scrivania, lo stand è molto utile anche con videochiamate.

Parlando della fotocamera si vedono tutti i 20 MegaPixel, anche se ho riscontrato che a livello software è abilitata una correzione automatica dello scatto allo scopo di saturare la foto, che a volte, risulta creare dei falsi colori (come un cielo dal colore innaturale) o a marcare meglio alcune zone (come quando accentua il rosso delle labbra delle persone). Se queste features possono essere comode se si pubblica un selfie su Instagram, dove lo scopo è stupire, lo risulta meno quando si punta ad una foto realistica.

Complessivamente sono rimasto soddisfatto dal prodotto. L’unica pecca è che quando si inizia a far lavorare un po’ di più il processore (anche un semplice app di fotografia) il retro del dispositivo diventa letteralmente incandescente. E’ un problema noto ma risulta essere abbastanza fastidio. Se poi ci mettiamo che lo spessore, rispetto agli ultimi smartphone in commercio, è piuttosto generoso, è auspicabile quindi che con la prossima versione di questo modello possano risolvere queste anomalie.

In definitiva, considerando anche il costo (che in settimana era sceso fino a 299€ sullo store online di Unieuro.it) è comunque un buon prodotto, molto meglio di tantissimi smartphone Android.