Levysoft

SeisMac: come trasformare il vostro portatile Mac in un sismografo low cost e contribuire allo studio dei terremoti in scala locale

Oggi sono venuto a conoscenza di un nuovo software dalle caratteristiche davvero peculiari per scopi davvero originali. Si chiama SeisMac, ed è una applicazione gratuita solo per Mac OS X che permette di contribuire al rilevamento di terremoti grazie al sensore presente in molti modelli di Mac portatili in commercio dal 2005 in poi, trasformando di fatto il proprio MacBook o Macbook Pro (ma anche iBook e Powerbook) in un vero e proprio sismografo low cost.

Realizzato in collaborazione con l’Istituto di Ricerca Sismologica IRIS, SeisMac 2.0 è in grado mostrare le onde sismiche su tre assi in un grafico in tempo reale, dopo aver opportunamente tarato i sensori con SeisMaCalibrate, e di inviare ogni 15 minuti tutti i dati ad un server per la condivisione immediata dei dati raccolti e coordinata da un gruppo dei geofisici della South California University. E’ possibile visionare cosa registrano tutti i portatili della rete direttamente dalla mappa interattiva sul sito del progetto, oppure scaricando e installando QCNLive che permette di avere, con una grafica accattivante, un colpo d’occhio sulle situazione nel mondo.

Nonostante apparentemente non avrebbe senso affidare la credibilità di un movimento naturale ad un solo strumento, come un computer portatile soggetto frequentemente a movimenti accidentali non dovuti ai terremoti, c’è anche da considerare che una scossa naturale si distingue dalle altre per il fatto che è segnalata contemporaneamente da una molteplicità di computer distanti fra loro evitando i falsi allarmi.

Lo scopo di SeisMac

Resta comunque il fatto che SeisMac 2.0 (e il progetto relativo) risulta, finora, l’unico software che sfrutta i sensori di movimento (Sudden Motion Sensor, il sensore che rileva i movimenti bruschi per distaccare l’hard disk preservandone il contenuto in caso di caduta) senza fini ludici (come SmackBook Pro, MacSaber e Bubblegym) ma con un fine ben preciso e di valore. Infatti, i terremoti si manifestano con una variabilità di effetti da un posto all’altro, o addirittura da un edificio all’altro, in funzione, per esempio, delle caratteristiche del suolo e dei criteri costruttivi. Avere dati puntuali aiuta a costruire le cosiddette mappe macrosismiche che descrivono in dettaglio gli effetti di un terremoto da zona a zona e che servono, in ultima analisi, per progettare meglio l’edilizia e l’urbanistica anti sismica.

La situazione in Italia

Non so quanto, però, questa rete di computer possa essere utile, almeno in Italia. Tralasciando il fatto che in una piccola percentuale di casi i dati prelevati possano essere falsati dal fatto che, magari, durante una scossa sismica il computer potrebbe essere spostato dalla sua posizione, alterando i valori registrati, è evidente che nel nostro paese, la rete di computer sarà molto meno fitta dato che il numero di Mac presenti sono una piccola percentuale rispetto a quelli sul territorio americano, dove attualmente il progetto, noto come Quake-Catcher Network, sembra aver preso piede. Non per questo mi sento però di non avallare il progetto che ha tutta la piena approvazione!