Levysoft

Ezmo: la rivoluzione gratuita e legale dello sharing musicale senza limiti di spazio e dello streaming audio ovunque ci si trovi

Tempo fa recensii 21 siti Social Music Online, ma tra questi però ve ne è da aggiungere uno che è nato recentemente: si chiama Ezmo ed è un portale creato in Norvegia che permette di ascoltare la propria musica preferita ovunque vi sia un collegamento a internet, il tutto gratuitamente e legalmente!
Ezmo è l’ultima frontiera della social music e rivoluziona il concetto di fruizione della musica via web.

A tal proposito mi piace ricordare che fino a qualche anno fa era possibile ottenere questo genere di servizio usando un hack per Gmail: in pratica, sfruttando il servizio Gmail Audio Player, integrato nella poste elettronica di Gmail, combinato con la comoda estensione per Firefox, Gmail Space, era possibile archiviare qualche giga di musica etichettabile e fruibile abbastanza facilmente.

Le caratteristiche del servizio

Tornando ad Ezmo, chi si registra (da qualche giorno è disponibile anche in italiano) ha a disposizione uno spazio web illimitato dove caricare i propri brani musicali (.mp3, .wma, .ogg, .m4a, .aac) per ascoltarli in streaming da qualsiasi luogo e, al contempo, di condividerli con quelli di almeno altri dieci amici, in perfetta logica web 2.0. L’accesso per ora è possibile solo attraverso qualsiasi browser che supporta Adobe Flash Player ma dal 2008 le stesse funzionalità saranno disponibili anche su alcuni modelli di telefono cellulare (credo che forse si parli di modelli compatibili con Adobe Flash Lite 3)

Il primo sharing legale di file mp3

I gestori di Ezmo garantiscono che questa modalità di sharing “tra amici” non ha niente a che vedere con i sistemi di scambio di file in peer-to-peer, sia dal punto di vista della legalità dell’operazione che del “danno” eventualmente arrecabile al mercato discografico.
Infatti, Ezmo non consente il download dei file musicali, ma, secondo lo stile delle social network, è tuttavia possibile condividere la propria libreria musicale con fino a 10 amici, sempre tramite streaming.

A conferma di ciò sembra che alcune delle più grosse major musicali stanno trattando con il portale norvegese per poter avere, in futuro, la possibilità di “vendere” i propri brani sul sito per permettere agli utenti di aggiungerli alla propria playlist.

Dal lancio, lo scorso giugno, dice la nota, Ezmo ha registrato l’upload di oltre 3 milioni di brani. Ezmo ha 11 dipendenti e ha sede a Oslo, in Norvegia, ed è una sussidiaria interamente posseduta di Fast Search & Transfer, azienda specializzata in tecnologia di search.

Come funziona il sito di Ezmo

Ezmo è semplice da usare ed è gratis. Per registrarsi bastano pochi secondi e una volta entrati, si nota subito una interfaccia molto intuitiva e customizzabile. Oltre alla recente localizzazione in italiano dell’intero portale, si nota che l’upload della musica è estremamente semplice e guidato da un software (Music Uploader) installabile sul proprio pc. In alternativa possiamo caricare manualmente ogni singolo file audio, senza effettuare installazioni.
Il “Music Uploader” permette l’aggiunta di intere cartelle con un solo clic, oppure l’interfacciamento con player noti quali Winamp, iTunes e Windows Media Player.

Dal pannello associato al nostro profilo possiamo cambiare lo sfondo della testata, condividere la nostra libreria musicale con 10 amici e segnalare tramite audioscrobbling la musica in ascolto al famoso servizio di social music chiamato last.fm.

Quindi si può notare che tutti i file mp3 importati sono divisi per Autore e per Album, ovviamente se sono stati caricati correttamente i tag: se così non fosse è possibile modificarli da interfaccia web. E’ infine disponibile anche la possibilità di creare le proprie strong>Playlist.

La qualità audio è ottima per un servizio in streaming, e va dai 100 ai 128 kbps.

Conclusione

Insomma, vi consiglio di provarlo e, anche se Ezmo deve sottostare alla critica lentezza dell’upload delle adsl italiane, sembra quasi di stare davanti ad una versione light e online di iTunes.